Vai direttamente ai contenuti della pagina
Accessibilità: A A A | Normale | Solo Testo | Mappa del sito | Data di oggi Oggi, domenica 24 settembre 2017

Scoprire il territorio

Il cuoco consiglia

Valle Grana
Budino di madernassa e semolino

Ingredienti per 4 persone:

4 pere di media grossezza
60 gr. di semolino
¼ di litro di latte
80 gr. di zucchero, una tazza d’acqua, a cui si aggiunge una buona dose di vaniglia
4 fogli di colla di pesce
¼ di litro di panna montata
20 cucchiai di vino rosso
1 pezzettino di cannella
½ cucchiaio di fecola di patate
Guarnizione:
¼ di litro di panna dolcificata
Attrezzatura:
uno stampo da budino con foro centrale

Esecuzione:
Bagnate in due dita di acqua fredda i fogli di cola di pesce, strizzateli con le mani e fateli sciogliere in pochi cucchiai di acqua in un tegamino a bagno maria. Fate bollire il latte in una capace casseruola unite la colla di pesce, il semolino, facendolo scendere a pioggia, lo zucchero con aggiunta di vaniglia e rimescolate con il cucchiaio di legno fino a quando il semolino sarà cotto; togliete dal fuoco e lasciate raffreddare a temperatura ambiente, rigirando però di tanto in tanto il composto; appena inizierà a solidificarsi in modo consistente, incorporatevi poco per volta a cucchiaiate la panna montata. Rigirate accuratamente e rovesciate nello stampo da budino leggermente inumidito con un pochino di acqua fredda. Ponete quindi il recipiente in frigorifero per 3 ore.
Preparate intanto le pere: sbucciatele e fatele cuocere intere in un tegame insieme allo sciroppo preparato con 80 gr. di zucchero e una tazza d’acqua, al vino rosso, a mezzo cucchiaio di fecola di patate e ad un pezzetto di cannella. Appena pronte lasciatele raffreddare. Quando il budino si sarà ben solidificato in frigorifero passate lo stampo per pochi attimi in un recipiente d’acqua bollente e sformatelo su un piatto di servizio rotondo ed ampio. Collocate nel centro del budino le quattro pere ben fredde. Infine decorate tutto il bordo esterno del dolce con la panna montata e subito servite in tavola.

 

Privacy e Note Legali