Vai direttamente ai contenuti della pagina
Accessibilità: A A A | Normale | Solo Testo | Mappa del sito | Data di oggi Oggi, lunedý 20 novembre 2017
» Ti trovi in: Home / Comuni / Valle Maira / Marmora

Comuni

Valle Maira

Marmora

Il nome di Marmora sembra derivare dall’estrazione e lavorazione di marmi, o semplicemente di pietre da costruzione. 
Il territorio fu sede in età romana di un piccolo presidio militare. Appartenne dapprima al Marchese di Busca, poi a quello di Saluzzo e infine allo Stato Sabaudo. Oggi, accanto alla pastorizia che produce ancora il tipico formaggio d’alpeggio, si è sviluppata una buona attività ricettiva con locande e agriturismi. 
Buoni e molto frequentati i sentieri escursionistici. 
Con i Percorsi Occitani e il GTA, l’itinerario tra le frazioni è un fiore all’occhiello per Marmora.

Partenza da Borgata Vernetti È ora la borgata più importante in quanto sede del municipio e dell’ufficio postale. 
L’itinerario sale a partire da un ex albergo. Da vedere il forno comune con il tetto in lose a doppio spiovente. 
Un sentiero tra le case, dopo la fontana, conduce a quello che resta della chiesetta, dedicata a San Giacomo, documentata nel 1730. Costeggiando il Municipio e l’ufficio postale, in un prato si scorgono i resti nascosti tra gli alberi di un’antica torre di guardia. 
Si procede e si giunge al Santuario della Madonna del Biamondo. Poco si sa su questa chiesa, che reca la data del 1719 riscritta in numeri romani in occasione dei recenti restauri. 
Certo è il pilone votivo intorno al quale è sorta. Ne fa fede l’affresco raffigurante la Madonna in trono con bambino, datato 1543, ben conservato e incorporato in un altare ligneo. 
L’itinerario prosegue per: San Sebastiano La quattrocentesca cappella racchiude un pregevole ciclo ad affresco di Giovanni Baleison di Demonte: raffigura la storia dell’infanzia di Cristo ed episodi della vita di San Boneto di Paesana dipinti tra il 1807/1808. 
Torello Boneto da Paesana vi ha lasciato 3 affreschi. Caratteristica la casa con facciata a vela che sporge appena dal tetto, dove è stata appoggiata una successiva costruzione. 
Garino Sono visibili portali in pietra e un’originalissima bifora scolpita, murata sul fronte di una casa. Tolosano La cappella della borgata è dedicata a San Giorgio e Sant’Anna, come denunciano sulla semplice facciata i due affreschi del solito Boneto. 
Anche qui pilastri rotondi, finestrelle in pietra ed una, splendida, interamente in legno. Da notare il forno e la casa plurifamigliare. 
Urzio Qui si trova il più bell’esempio di facciata a vela di tutta la Valle. Reinero In mezzo alla piazza della borgata, campeggia il forno, datato 1557. 
Di fronte, un curioso affresco raffigurante la Sindone. Belli i balconi in legno e una crocifissione del Boneto nella casa più bassa della borgata. 
Parrocchia Dedicata a San Massimo, è in stile romanico-gotico; all’esterno presenta diverse immagini di santi attribuite a Tommaso Biazaci. 
All’interno conserva una struttura con volte a crociera; murata in un angolo della chiesa si trova una piccola ara romana del I secolo d.c. dedicata a Metilio Secondo in occasione di una vittoria in guerra e nella volta pitture di autore ignoto, risalenti al 1300.Ultimo ritrovamento un tabernacolo del XV secolo. 
Brieis Degni di nota: forno appoggiato alla roccia- cappella di S. Trinità – la torre (caso d’l avoucat, secondo la tradizione popolare). 
 
Altre escursioni
Il territorio di Marmora offre un ampio ventaglio di sentieri, adatti a tutti, da percorrere d’estate, ma anche d’inverno con le racchette da neve o gli sci d’alpinismo: Lago Resile, Costa Chiggia, Punta Tempesta, Punta Piovosa… 
 
Manifestazioni
Festa patronale di San Massimo 
Il 25 giugno, con processione, messa e rievocazione di antiche tradizioni. 
 
Sagra del Margaro 
Si svolge la settimana precedente l’Assunta. Dedicata ad un’attività tipica del territorio, quella dei margari. Si degustano i loro prodotti sempre più rari. 
Ensemou s’la neou 
Appuntamento del 2006 il 5 marzo, camminata enogastronomia con le racchette da neve, organizzata in altre date, a Oncino e Ostana in Valle Po. 
 

 

Privacy e Note Legali